VACANZE IN LAPPONIA

VACANZE IN LAPPONIA

L’inverno è un momento straordinario per visitare la Finlandia, dove il paesaggio innevato crea un’atmosfera da sogno. Tra le principali attrazioni di questa stagione non può mancare il villaggio di Babbo NataleRovaniemi, in Lapponia.

Il nord del Paese merita di essere esplorato con calma, per ammirare la flora e la fauna uniche, sciare sulla neve soffice, magari in notturna sulle piste di Levi, Ylläs o Salla (che letteralmente significa “in mezzo al nulla”), e rimanere a bocca aperta davanti allo spettacolo dell’aurora boreale: gli esperti consigliano di dormire a Saariselkä, idealmente al “Kakslauttanen Arctic Resort”, per una vista senza paragoni. Chi soggiorna a Helsinki può organizzare facilmente altre gite fuori porta in treno, ad esempio a Turku, la città più antica della Finlandia, affacciata sul Mar Baltico e amatissima dagli appassionati di storia, arte e buona cucina, o a Tampere, situata nella Regione dei Laghi e considerata la capitale mondiale della sauna, con oltre 50 saune pubbliche in città e nei dintorni. Non solo, Tampere vanta un centro vivace: ad esempio, il quartiere di Finlayson, all’interno di un’ex fabbrica di cotone, ospita ristoranti alla moda, bar, negozi, musei e il cinema d’essai Niagara.

In Lapponia l’aurora boreale è visibile circa 200 notti all’anno. Si può ammirare con ciaspole e sci, su motoslitta o slitta trainata da cani, ma la si può vedere anche comodamente, per esempio all’Arctic TreeHouse Hotel, al Circolo Polare Artico a Rovaniemi. Qui 37 case sugli alberi con accoglienti interni in legno in stile scandinavo lappone, dalle quali apprezzare i panorami spettacolari dei cieli del nord nell’atmosfera accogliente di confortevoli suite progettate con cura.

Levi Igloos sono 12 lussuose capanne con soffitti di vetro. Si trovano sulla collina di Utsuvaara, a 10 chilometri dalla stazione sciistica più famosa della Finlandia, Levi in Kittilä, e offrono posti in prima fila per lo spettacolo di luci più formidabile della Terra. Oltre alle capanne di vetro, Levi Igloos dispone di una Northern Lights House, una villa per 4-8 persone con due camere da letto, camino, sauna e terrazza panoramica con vasca idromassaggio.

Aleksi Mehtonen sono capanne di neve del Lucky Ranch e sono davvero fatte di neve, quindi all’interno il termostato segna sempre gradi negativi. Al calar della notte, bisogna coprirsi bene, infilarsi in un caldo sacco a pelo e godersi la quiete di una notte artica osservando le stelle e l’aurora.

All’Aurora Village Ivalo le capanne col soffitto in vetro offrono splendide viste sul cielo notturno. Gli ospiti possono anche prendere parte a una sauna panoramica, fare un tuffo nella vasca idromassaggio e gustare le deliziose proposte del ristorante Loimu.

In Lapponia è facile incontrare le renne, persino mentre si scia e visitare un allevamento di renne finlandese è spesso una delle attrazioni più amate dai viaggiatori. Molti offrono brevi gite in slitta con le renne. Ogni animale della foresta finlandese appartiene a un pastore e secondo la legge finlandese, non è consentito in alcun modo disturbare o spaventare le renne. Ad esempio, avvicinarle per scattare una foto potrebbe spaventarle.

EMME22

 

CORSICA: SELVAGGIA E INCONTAMINATA

CORSICA: SELVAGGIA E INCONTAMINATA

La Corsica ha una forte e orgogliosa identità culturale. Amata e celebrata dai viaggiatori, è un’isola dominata dal sole. Le sue scogliere rosse si tuffano nelle acque turchesi, poi piccole calette, spiagge sabbiose, penisole, promontori, montagne, villaggi autentici, frutteti, castagneti e vigneti occupano buona parte del territorio offrendo una ricchezza di materie prime a cui attingere. In questo articolo vi narreremo i luoghi più suggestivi della Corsica del Sud in cerca di una dimensione dell’isola affascinante e godereccia. Perché l’identità a tavola e altrettanto appagante.

Bonifacio

È  una città sulla punta meridionale dell’isola francese. È nota per il suo vivace porticciolo e per la cittadella medievale sulla scogliera calcarea che si tuffa a precipizio sul mare. Magnifici la Escalier du Roi d’Aragon (la Scalinata del Re d’Aragona), composta da 187 antichi scalini scavati nella roccia e la Phare de Pertusato, da dove si può ammirare un meraviglioso panorama. È senza dubbio la città che più delle altre riempie gli occhi con spettacolari immagini. Approfittate per girovagare tra le vie della cittadella e perdersi in quei momenti.

Sartène

È  un antico borgo che custodisce tutto il fascino dei tipici villaggi corsi, le sue case di granito arroccate sui misteriosi vicoli ciechi la rendono muta, senza tempo, e sanno incantare per l’atmosfera medievale. I ritmi sono quelli di un tempo, la tradizione scandisce ogni momento Sartène vi offrirà l’opportunità di osservare da vicino gli aspetti più autentici della Corsica rurale.

Nella zona adiacente visitate il sito preistorico di Cauria, poi proseguite fino a Levie, nella zona montana di Alta Rocca, qui potrete immergervi nell’atmosfera selvaggia dell’isola. Fitte foreste sempreverdi e borghi con case in granito vi lasceranno impresso un ricordo inedito della Corsica.

Porto Vecchio

È un borgo portuale della Corsica. Ricco di spiagge e insenature che competono tra loro per la loro bellezza. Tra la sabbia e le rocce dai colori caldi, le sfumature del mare assumono colori cangianti. È circondato da una vegetazione tipicamente mediterranea. Porto Vecchio è una delle località turistiche più frequentate dell’isola, conosciuta anche come la Cittadella, è circondata dai bastioni e si presenta con case e vicoletti stretti di pietra. Il cuore pulsante è Piazza della Repubblica dove si presentano vivaci spazi abitati con locali movimentati. La Rue U Borgo è la via principale del centro storico dove si trovano negozi più fashion delle grandi firme della moda. La zona del porto, invece, è il centro effervescente della movida notturna grazie alla presenza di molte discoteche, ristoranti, e locali per tutti i gusti.

Tra le rovine più significative spiccano alcune mura, Porta Genoise e il Bastione di Francia.

Arcipelago delle Isole

8 isole. Lavezzu, Cavallo, Ratinu, Piana sono soltanto alcune dell’arcipelago di Lavezzi, classificato come Area Protetta della Riserva Naturale. Rosso cupo e scenari incantevoli vestono piccoli lembi di terra che scoprono una natura bellissima, questo luogo straordinario sorge sul mare di Ajaccio, il tramonto è il momento più bello per ammirare la costa che si tinge del colore scarlatto del sole che cala dietro l’orizzonte. Il panorama è ammaliante e romantico.

La Corsica a Tavola

Charcuterie” sono i classici salumi, preparati con tenere carni. Ci sono il prisutto (prosciutto essiccato per 18 mesi), il figatellu (salsiccia di fegato al vino), il lonzu (filetto di maiale conservato sotto uno strato di grasso).

Il brocciu, invece, è un formaggio fresco per certi versi simile alla ricotta: bianco e tenero. Viene utilizzato in una infinità di piatti come zuppe, omelette, lasagne. Non manca mai nella charcuterie.

Il Civet de sanglier è un altro dei grandi cavalli di battaglia della cucina della Corsica. Il cinghiale selvatico è preparato in casseruola con carote, castagne, finocchio, aglio, cipolle.

La grigliata di pesce è un’istituzione. Spesso comprende pesce spada, tonno, gamberi, gamberoni, molluschi.

La bouillarbasse è una zuppa di pesce che preparata in questo modo non l’assaggerete in nessun’altra parte del mondo. Scorfano, triglie, grongo e gallinella sono alla base della ricetta. Viene servita accompagnata con la rouille, una salsa a base di pangrattato, olio d’oliva, zafferano e peperoncino.

Veau aux olive, l’agnello alle olive che viene preparato in ogni parte della Corsica. È cotto lentamente, in modo da esaltarne il sapore. E per finire? Fiadone un dolce sformato di brocciu e limone.

Isabella Scuderi

RIPRODUZIONE RISERVATA

ITALIA E VENEZIA LE MIGLIORI PER THE DAILY TELEGRAPH

ITALIA E VENEZIA LE MIGLIORI PER THE DAILY TELEGRAPH

È l’Italia la miglior meta europea 2023 per uno dei principali quotidiani del Regno Unito: The Daily Telegraph. Ed è Venezia la “Best European City”,  che batte Roma e Siviglia. Le altre candidate per best country erano Grecia e Norvegia.
I Telegraph Awards rappresentano un premio molto atteso e un punto di riferimento da oltre 25 anni, da quando fu indetto nel 1998. La cerimonia nel prestigioso Café Royal su Regent Street, nel centro di Londra.
“Non si tratta soltanto di un riconoscimento che premia le meraviglie italiane, il lavoro di un’intera filiera di professionisti e l’operato di valorizzazione e promozione che il ministero del Turismo ha avviato e sta portando avanti seguendo un’ottica strategica. Infatti, dev’essere anche uno stimolo, un incentivo a proseguire su questa strada e a dare sempre il meglio, insieme, per conseguire obiettivi ancora più ambiziosi e dimostrare, giorno dopo giorno, di meritare l’ammirazione e l’amore che il mondo intero prova per la nostra splendida Italia. Un attestato che inoltre evidenzia l’importante investimento che il Governo sta facendo nel settore”, ha commentato la ministra del Turismo, Daniela Santanchè.

A premiare l’Italia i lettori dello storico giornale nato nel 1885 e tradizionalmente rivolto a lettori affluent di ceto medio – alto) in genere over 50. È uno dei quotidiani sia in cartaceo che online più letti in UK (lettori print più 800.000 al giorno, digital circa 23 milioni in un mese).
“Un’altra testimonianza di quanto l’Italia stia lavorando bene in termini di promozione del brand riconosciuto a livello internazionale da un pubblico molto attento ed esigente. Questo premio non solo ci inorgoglisce ma consente anche di avere nuovi spunti di mercato per orientare l’offerta tenendo conto anche delle scelte dei lettori del giornale” commenta Ivana Jelinic, Presidente e Ceo Enit.

EMME22

ph Francesca De Paola

 

 

VIAGGIO IN SARDEGNA TRA STORIA, NATURA E LUOGHI NASCOSTI

VIAGGIO IN SARDEGNA TRA STORIA, NATURA E LUOGHI NASCOSTI

Al centro del Mediterraneo sorge un’isola tutta la scoprire: è la Sardegna dove presente e passato si incontrano dando vita a ciò che oggi è considerato uno dei luoghi più belli d’Italia.

Storia millenaria, acque cristalline, natura incontaminata e patrimonio faunistico di grande interesse fanno della Sardegna uno dei paradisi del Mediterraneo.

Si hanno tracce della civiltà sarda sin dal lontano 6000 a.C. passando per l’epoca nuragica di cui rimangono ancor oggi i caratteristici “nuraghe”, costruzioni in pietra unici al mondo di cui se ne contano circa 8000 in tutta l’isola, di cui il più grande è il complesso nuragico di Barumini (SU).

A testimonianza della lunga storia fatta di conquiste e insediamenti da parte di diverse civiltà, ci si può imbattere facilmente in diverse costruzioni megalitiche come i “menhir” e i “dolmen”, nelle costruzioni destinate al culto religioso come le Domus de Janas cioè tombe preistoriche scavate nella roccia, nei pozzi sacri come quello di Santa Cristina (OR), nelle tombe dei giganti, nei ritrovamenti dei caratteristici bronzetti. Inoltre, ancora oggi è possibile ammirare veri e propri insediamenti delle popolazioni antiche, come Nora (CA) che si erge a sud della Sardegna nel promontorio di Capo Pula che custodisce ancora oggi l’anfiteatro e i mosaici, Tharros (OR) con le sue emblematiche colonne bianche che si affacciano sul mare, oltre che diversi insediamenti laddove oggi sorgono Cagliari e il paese di Sant’Antioco nell’omonima isola. Molti dei reperti recuperati in vari luoghi della Sardegna sono conservati nel Museo Archeologico Nazionale di Cagliari.

Oggi la Sardegna è uno dei luoghi turistici più apprezzati al mondo. Con i suoi 24.000 km quadrati di superficie è la seconda isola del Mediterraneo per estensione e comprende circa 1900 km di costa.

Questo ne fa un’isola dalle tante sfaccettature e un luogo tutto da scoprire: la varietà delle sue coste sabbiose si susseguono alle calette a picco sul mare, immense distese di boschi si alternano alla macchia mediterranea, in un gioco di colori e di contrasti. La particolarità della flora sarda ospita specie animali rare e rappresenta l’habitat ideale per l’aquila reale, i mufloni, i cinghiali e gli affascinanti fenicotteri che popolano gli stagni costieri.

Il mare cristallino e le spiagge dorate fanno da cornice all’entroterra più remoto, facendo della Sardegna una meta tutta da visitare, anche nei luoghi meno conosciuti e meno “turistici”.

Ecco alcune delle 5 meraviglie meno conosciute della Sardegna che vale la pena visitare:

1) Penisola del Sinis (OR): è un promontorio che si affaccia sul mare, costellata di spiagge caratteristiche e affascinanti, tra cui Is Arutas denominata “spiaggia di riso” nota per i suoi granelli di quarzo. È proprio qui che si erge il sito archeologico di Tharros e a pochi km nel paese di Cabras si può visitare il Museo dei Giganti di Mont’e Prama in cui si possono ammirare le gigantesche sculture di guerrieri nuragici. Nelle vicinanze è possibile inoltre immergersi nel piccolo villaggio di San Salvatore, teatro di famosi film western.

2) Sorgente Su Gologone (NU): è la più importante sorgente della Sardegna considerata un vero e proprio monumento naturale. L’acqua nel corso dei millenni ha scolpito la roccia in profondità, ha generato dei meandri e riaffiorando in superficie ha dato vita a un lago. Una ripida parete rocciosa immersa nel verde incornicia la sorgente da cui origina il canyon che con le sue acque alimenta il fiume Cedrino. Canyoning, speleoturismo e trekking sono tra le attività che possono essere svolte a Su Gologone, oppure è possibile rilassarsi nell’immenso parco che circonda questo gioiello naturalistico.

3) Grotta di Nettuno (SS): si trova vicino ad Alghero, nel promontorio di Capo Caccia ed è tra le più suggestive grotte della Sardegna, è possibile arrivarci sia via mare che via terra. In quest’ultimo caso percorrendo i 654 gradini dell’Escala del Cabirol (la Scala del Capriolo) si accede ai meravigliosi cunicoli che consentono di ammirare stalattiti e stalagmiti, oltre che al suggestivo lago salato sotterraneo di La Marmora. Dei 4 km di lunghezza della grotta, è possibile visitarne soltanto una parte, mentre il resto è possibile solo per gli speleologi. I più temerari possono inoltre cimentarsi nella Ferrata del Cabirol, un percorso a picco sul mare che riserva un’emozione unica. Tra le altre grotte di particolare interesse nel territorio sardo sono inoltre, la grotta del Bue Marino, la grotta de Su Mannau, la grotta di Ispinigoli, la grotta di Is Zuddas e la grotta di Su Marmuri. 

4) Orgosolo (NU): un borgo nel cuore della Sardegna dall’aspetto austero ma caratteristico della Sardegna. Quando si arriva a Orgosolo nel cuore del Supramonte è impossibile non rimanere incantati dai caratteristici murales. Il “paese dei murales” come spesso viene definito, ne ospita ad oggi oltre 200 e il primo ad essere dipinto sui muri di Orgosolo risale al 1969. Orgosolo è definito un paese-museo che avvolge i visitatori nella magia delle sue tradizioni e toglie il fiato con i suoi paesaggi e le sue vallate.

5) Castelsardo (SS): situato a nord della Sardegna, è considerato uno dei borghi più belli d’Italia. È un delizioso borgo medievale in cui è facile immergersi tra i vicoletti e respirare un’atmosfera d’altri tempi grazie ai bastioni e al Castello di Castelsardo (detto anche Castello Bellavista o dei Doria), che ospita al suo interno il Museo dell’Intreccio Mediterraneo, una raccolta di manufatti di fibre vegetali. A pochi km si può ammirare la Roccia dell’Elefante (che prende il nome proprio per la sua forma unica simile a un elefante).

La Sardegna è un’isola che nasconde gioielli naturalistici e architettonici di rara bellezza. Dalle coste al suo entroterra è un territorio tutto da scoprire. E ci si sente sempre benvenuti.

Linda Pili

Ph Giorgio Marcias

RIPRODUZIONE RISERVATA

 

ALABAMA: SCENARI IDEALI PER UNA VACANZA ALL’ARIA APERTA

ALABAMA: SCENARI IDEALI PER UNA VACANZA ALL’ARIA APERTA

Spiagge, laghi e montagne… siamo in Alabama, il territorio si estende dalla Costa del Golfo fino alle cime più alte.

Quest’anno il Paese ospiterà i World Games che si svolgeranno nella città di Birmingham dal 7 al 17 luglio, con 34 sport tra cui: canoa, arrampicata, sci nautico e wakeboard. L’evento sarà l’occasione ideale per una vacanza sportiva e per entrare in contatto con la natura, i visitatori potranno esplorare i 21 parchi statali pernottando in campeggi, cabin o lodge sulla spiaggia, in riva al lago o ai piedi degli Appalachi.

Spiagge di sabbia bianca, 45km di sentieri del Gulf State Park da percorrere a piedi, in bicicletta o anche in Segway, osservando la fauna selvatica: alligatori, tartarughe marine che nidificano, linci. E c’è poi il posto migliore per il bird-watching: il Dauphin Island Audubon Bird Sanctuary, un’isola barriera dove fanno tappa gli uccelli migratori.
Si può pescare nei vari laghi: il Wedowee, il Martin, il Guntersville e nelle acque salate del lago Gulf Shores. Oppure trascorrere una giornata in barca, fare kayak nell’Amazzonia d’America, ovvero il Delta del Mobile-Tensaw, o ancora andare in canoa per vedere il giglio Cahaba, straordinariamente bello ma che rischia di scomparire. Altro must è fare canoa lungo il lago Wheeler: estendendosi per 96,5 chilometri, dalla Wheeler Dam alla Guntersville Dam, è il secondo più grande dello Stato e costituisce un’importante attrazione turistica per il campeggio, il canottaggio e la pesca. Per coloro che vogliano migliorare il loro swing, nelle vicinanze ci sono anche una serie di fantastici campi da golf.
Nelle colline degli Appalachi si trovano impegnative pareti rocciose da scalare, fiumi e rapide da percorrere con la pagaia, e piste per la mountain bike. Molto belle le escursioni attraverso le foreste che ospitano cascate maestose e sul sentiero a lunga percorrenza Pinhoti. In montagna, al Monte Sano State Park, poi, c’è un giardino giapponese completo di tea house.

10 ATTIVITÀ ALL’APERTO IN ALABAMA 

1. Zip Line nel Lake Guntersville State Park

Godetevi la vista dall’alto sulle cime degli alberi del Lake Guntersville State Park, sulle rive nord-est dell’Alabama. I visitatori in genere optano per il percorso di 10 linee con quattro ponti sospesi o il percorso di 15 linee con otto ponti. Al livello del suolo, il parco offre circa 62 kilometri di sentieri escursionistici e ciclabili. Queste avventure ad alta quota hanno sempre molto successo, quindi assicuratevi di prenotare in anticipo.

2. In canoa per vedere i rari gigli del Cahaba

Di una bellezza impressionante, ogni fiore bianco del giglio Cahaba, in via di estinzione, misura circa 7 centimetri; si tratta di un giglio ragno appartenente alla famiglia degli amaryllis, che fiorisce tra metà maggio e metà giugno per sole 24 ore. Per visitare una delle sue più grandi coltivazioni, nel Cahaba River National Wildlife Refuge vicino a Birmingham, è perciò necessario prenotare in tempo una gita in canoa. Il rifugio ospita più di 60 specie di piante e animali rari, tra cui Cahaba shiner e Goldline darter, pesci in via di estinzione e due tipi di lumache, ovvero la Lioplax cilindrica e la Rocksnail rotonda.

3. Esplorare l’Amazzonia d’America 

La grande varietà di specie presente ha fatto guadagnare al Delta del Mobile-Tensaw il soprannome di Amazzonia d’America. È possibile esplorare il più grande delta fluviale e la zona umida dell’Alabama in airboat, kayak o canoa e osservare gli alligatori e i falchi pescatori insieme ai delfini nel porto. I vari habitat dell’Alabama permettono l’affermarsi di una fauna selvatica diversificata, con più di 400 specie di uccelli, 97 varietà di gamberi di fiume e mammiferi tra cui l’orso nero, l’opossum, l’armadillo e il giaguarundi, in via d’estinzione e poco conosciuto. 

4. Fare un tuffo con lo sci nautico

Usando un sistema di cavi progettato per simulare di essere trainati da una barca, indipendentemente dal vostro livello di esperienza potrete provare il wakeboard sul Beaver Lake nell’Oak Mountain State Park, vicino a Birmingham. Il sistema può essere impostato a seconda di diversi livelli di abilità. Potrete inoltre noleggiare una barca o un paddle board, andare a pesca e soggiornare in una delle capanne a due letti presso il lago Tranquility.

5. Escursioni sul sentiero Pinhoti o a piedi fino a Big Tree

Potete dirigervi lungo la spina dorsale dell’Alabama su un sentiero di 539 chilometri, che corre per 275 chilometri da Flagg Mountain, nella contea di Coosa, a Indian Mountain, nella contea di Cherokee, prima di entrare in Georgia, dove si collega con l’Appalachian Trail. Se questo vi sembra troppo ambizioso, potrete fare un giro di 13 chilometri, o 22 chilometri, su sentieri pianeggianti nella Bankhead National Forest vicino a Huntsville per vedere il Big Tree, un enorme pioppo giallo per circondare  il quale ci vogliono quattro uomini.

6. Scoprire il paradiso per gli uccelli 

Il 2023 sarà l’anno dell’Alabama Birding, ed è previsto un focus sui numerosi punti dedicati al birdwatching, ai festival e ai sentieri. L’Alabama è uno degli Stati migliori per il birdwatching, si contano più di 430 specie di uccelli, è possibile vedere di tutto: dalle aquile calve alle gru, ai nibbi dalla coda di rondine e ai passerotti dipinti. Le molte foreste, i laghi e i corsi d’acqua, oltre a essere una delle soste principali per i migratori, lo rendono un paradiso da esplorare; in particolare, Dauphin Island alla foce di Mobile Bay è un santuario degli uccelli Audubon: è qui che si concentra circa il 95% delle varie specie dell’Alabama.

7. Arrampicata su roccia e rappel nel Little River Canyon

Le uniche rocce di arenaria nel nord-est dell’Alabama offrono un parco giochi all’aperto per l’arrampicata e la discesa in corda doppia. Potrete inoltre esplorare il Little River Canyon National Preserve, con il fiume che scorre sulla Lookout Mountain. La riserva è vicino al DeSoto State Park, con le sue cascate, i fiumi incontaminati e 48 chilometri di sentieri per escursioni a piedi e in bicicletta. Potrete soggiornare in una capanna di legno a due letti.

8. Visitare un mondo sotterraneo delle caverne

Le sue 4.014 grotte fanno dell’Alabama del Nord un luogo di grande interesse per la speleologia. Il Cathedral Caverns State Park ospita uno dei più grandi sistemi di grotte sotterranee del mondo. Oltrepassato l’ingresso, largo 12 metri quadrati e alto circa 8 metri, andrete alla ricerca di Goliath, una stalagmite che misura circa 14 metri di altezza con una circonferenza di 22,5 metri, e della sua controparte, una stalagmite che è alta più di 8 metri ma è larga solo 8 centimetri.

9. Fare boulder a Horse Pens 40

Con pietre esposte che risalgono a un periodo che varia dai 600 milioni a 1,3 miliardi di anni fa, il parco naturale storico all’aperto Horse Pens 40 è un sito di bouldering di primo piano. A circa 457 metri sopra il livello del mare sulla Chandler Mountain a Steele, è una delle tappe della Triple Crown Bouldering Series.

10. Fish and fry

Potrete catturare un pesce a Orange Beach, la capitale mondiale del dentice rosso, e molti dei ristoranti locali lo cucineranno per voi. Al Gulf State Park, potrete pescare in mare e nel lago. Il lago Shelby è vicino alla costa, quindi si può pescare sia dalla spiaggia sia dal molo. Il lago Guntersville (il più grande dell’Alabama), il lago Wedowee e il lago Martin con la sua iconica Chimney Rock sono altri popolari luoghi per la pesca nell’entroterra. C’è poi anche un percorso di pesca alla spigola lungo 13 laghi della contea.

EMME22